Guacamole

Dite la verità, non vedete l'ora di assaggiare una salsa verde piena di tocchetti e che non sia vomitosa :)

Allora prendete:

1 Lime (o meno limone)
1 avocado
del sale grosso
un pomodoro
un peperone jalapeno (lo so, è diffficile da trovare, facciamo così, prendete un peperone normale e io guardo dall'altra parte)
della cipolla (tagliatela e piangete al pensiero del jalapeno non trovato)

Prendete l'avocado (*) e sbucciatelo come un mandarino.
Fatto?
Bravi, io non ce la faccio mai, lo taglio in due e lo sbuccio col pelapatate.

Mettete in una zuppiera qualche grano di sale grosso, tagliate l'avocado a pezzettoni, unitelo al sale e con il dorso della forchetta spappolatelo. Non usate il tritatutto, va spappolato, non tritato.

Una volta spappolato l'avocado aggiungete il succo di mezzo lime e mischiate bene, l'avocado tende ad ossidarsi velocemente.
Aggiungete un quarto di cipolla a dadini piccoli e rimischiate.
Aggiungete equivalente quantità di peperone e trimischiate.

Coprite il quasi guacamole a tenuta il più possibile ermetica con della pellicola e mettete in frigo per mezz'ora.

A questo punto avete mezz'ora per preparare il resto della cena, visto che mangiare solo guacamole stomega un po'.

Dopo mezz'ora al momento di gustare la salsa (Cuba, parararappappà, quiero gustar la salsa...) prendete mezzo pomodoro, fatelo a tocchetti e mettetelo nel preparato che si trasformerà in guacamole. (Non si mette prima perché perde acqua e annacqua la salsa)

Alcuni aggiungono anche del cumino e coriandolo, io la tengo semplice.

(*)Come scegliere l'avocado.

Il segreto per vedere se l'avocado è maturo è quello di premerlo col pollice.
Se cede leggermente ma ritorna in posizione è al punto giusto
Se non cede è troppo acerbo
Se cede ma rimane deformato è troppo maturo.

Nessun commento:

Posta un commento